Esperienza Ivana

#studio #missione #vincere

Ciao a tutte e a tutti! 

Mi chiamo Ivana, ho 26 anni e pratico il Buddismo di Nichiren Daishonin da dieci. 

Quando ho terminato il liceo scientifico, essendo sempre stata affascinata da tutto ciò che riguarda il Pianeta Terra, ho deciso di iscrivermi alla facoltà di Scienze Geologiche. 

Nonostante la mia passione per le materie affrontate, già dai primi giorni di Università ho subito percepito emergere dalla mia vita un profondo senso di inadeguatezza rispetto alla mia scelta: non riuscivo a superare nessun esame, i miei colleghi di corso procedevano spediti e spesso si rivolgevano a me solo per scherzare, mai per parlare di argomenti relativi allo studio. I professori, la mia famiglia e i miei amici mi ripetevano che la strada intrapresa non era quella giusta, perché per quanto potessi studiare, non c’era margine di vittoria.  

Praticando il Buddismo decisi profondamente che non mi sarei lasciata sconfiggere e promisi al mio maestro Daisaku Ikeda che, ad ogni costo, avrei trasformando il mio karma in missione diventando la studentessa più brillante del mio corso di studi. Era una sfida con me stessa e la mia insicurezza. Lo scoglio più grosso era l’esame di matematica che mi trovai a dover ripetere per ben nove volte prima di passarlo e che mi permise di comprendere che nella vita non bisogna davvero mai arrendersi, che la sensazione di non essere mai abbastanza era solo un’illusione e che potevo vincere. Infatti, da quel momento, cominciai a superare tutti gli esami con voti sempre più alti fino a laurearmi alla triennale e a prendere la decisione di iscrivermi anche alla magistrale in Geofisica Applicata. 

La determinazione profonda di non lasciarmi mai sconfiggere mi ha portato, nel periodo della magistrale, a superare tutti gli esami con lode, risultando – ad inizio del secondo anno – la studentessa più brillante del dipartimento: avevo trasformato il mio karma: i professori e i colleghi si complimentavano, gli amici mi sostenevano. 

A inizio 2020, con la pandemia da Covid-19 e una profonda sofferenza dovuta alla fine di una relazione, sono letteralmente sprofondata. Non sapevo dove cercare la spinta per studiare, perdevo peso a vista d’occhio e mi sentivo ancora una volta incredibilmente inadeguata. La radice della vittoria è stata sempre la stessa: la promessa di vincere ad ogni costo.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono visibili a causa delle tue impostazioni cookie! 

Questo succede perché “Google Youtube” utilizza cookies che hai scelto di non scaricare. Per poter visualizzare il contenuto abilita i cookies: clicca qui per aprire le tue preferenze.


Durante la sessione estiva ho determinato di dare quattro esami in due mesi, di cui due nello stesso giorno, quello del mio compleanno. Non ho mai smesso di fidarmi della mia vita e del potere della recitazione di Nam Myoho Renge Kyo e ho superato tutti e quattro gli esami con la lode!
 

A dicembre dello stesso anno, ancora provata e scossa, ho vinto un premio universitario classificandomi al quinto posto su centinaia di studenti e ricevendo una borsa di studio che ha finanziato la mia tesi all’estero. Sono partita e ho passato sei mesi a Mainz (Germania) realizzando una tesi durante la quale io – la stessa Ivana apparentemente incapace – ho risolto un’equazione matematica che a settembre di quest’anno ho presentato al Convegno di Fisica Nazionale.  

A luglio 2021 ho conseguito la mia laurea in Geofisica Applicata con la lode e il plauso della commissione, in un clima di profonda commozione da parte di tutti.  

In questi anni di lotte si è fatto strada il desiderio di lavorare nell’ambito della ricerca. Così, quindici giorni dopo la seduta di laurea ho fatto l’esame per il posto di dottorato in geofisica. Durante l’esame una candidata ha avuto problemi con la connessione Internet e senza pensarci per più di un istante ho recitato Nam Myoho Renge Kyo affinché potesse sostenere l’orale senza problemi. È stato bellissimo perché la connessione ha ripreso a funzionare improvvisamente, permettendole di fare un esame sereno e gioioso.  

Su trentatré candidati, era disponibile un unico posto dottorale in geofisica. Mi sono fidata della mia vita, che si è sempre dimostrata saggia e, alla fine, ho vinto l’unico posto disponibile come dottoranda.  

Oggi, con una gratitudine infinita nel cuore, sto portando avanti un progetto di ricerca di analisi dei segnali elettromagnetici che anticipano i terremoti, con lo scopo di contribuire a mettere in atto sistemi di prevenzione che possano salvare vite umane. Ad oggi faccio parte dell’unico gruppo di ricerca che se ne occupa in Italia.  

Rinnovo ancora la mia promessa di realizzare la felicità di tutti gli esseri viventi insieme al mio maestro Daisaku Ikeda e a tutti i miei meravigliosi compagni di fede.