(traduzione provvisoria: sarà pubblicato su Il Nuovo Rinascimento dell’1 luglio)

Desidero esprimere la più sincera gratitudine per il vostro impegno a realizzare allegre e vivaci riunioni delle sorelle Kayo. Tutti i membri della famiglia Soka gioiscono e lodano costantemente il progresso delle valorose giovani donne.
Mia moglie e io stiamo vegliando su di voi con la più grande delle gioie.
C’è un passo del Gosho che oggi desidero condividere con voi.
È tratto da Il Daimoku del Sutra del Loto, che Nichiren Daishonin indirizzò a una sua discepola: «Prima della predicazione del Sutra del Loto, le persone dei nove mondi erano come piante o alberi in autunno e in inverno. Ma quando il singolo carattere myo del Sutra del Loto cominciò a risplendere su di loro come il sole primaverile ed estivo, sbocciò il fiore dell’aspirazione all’illuminazione e apparve il frutto della Buddità o rinascita nella pura terra» (RSND, 1, 128).
Là dove le sorelle Kayo recitano Daimoku, studiano e condividono la Legge mistica con gioia e allegria, sono in grado di far sorgere vite meravigliose e splendenti come il sole.
Ognuna di voi è davvero un “sole di speranza”, capace di illuminare e disperdere l’oscurità che deriva da ogni tipo di sofferenza.
Più vi impegnate con gioia e fiducia in voi stesse a intrecciare dialoghi sul Buddismo con le persone con cui avete un legame, più riuscirete a far penetrare la luce della saggezza e della felicità nella profondità dei loro cuori e a piantare i semi della Buddità, a prescindere dalla loro reazione iniziale. Arriverà senza dubbio il giorno in cui questi semi fioriranno e daranno i loro frutti.
Mantenendo questa grande convinzione nel cuore, vi prego di aprire nuovi “cancelli” dell’amicizia, della solidarietà e della vittoria insieme a tutte le sorelle Kayo in Italia e nel mondo, con sempre maggiore armonia, saggezza e libertà.
La vostra rete solidale di felicità nella quale ognuna risplende delle proprie caratteristiche uniche in base al principio del “ciliegio, susino, pesco e prugno selvatico”, è la speranza della realizzazione dell’ideale di “adottare l’insegnamento corretto per la pace nel paese”.
Mia moglie e io continueremo a pregare ancora più intensamente, con il profondo desiderio che il nostro Daimoku raggiunga ognuna di voi, nostre amate figlie, tesoro della Soka.
Vi prego di porgere i miei più cari saluti alle vostre famiglie.
Danzate
nella primavera della vostra giovinezza
basata sul voto
Piene di salute!
Traboccanti di felicità!
Avvolte da un’immensa buona fortuna!

4 giugno 2019 – Per celebrare il decimo anniversario del giorno dell’Ikeda Kayo-kai mondiale

Daisaku e Kaneko Ikeda

 

SCARICA PDF