Giappone, 8 febbraio 1951. Daisaku Ikeda ha 23 anni e come altri tredici giovani ha letto il romanzo “La città eterna” di Hall Caine. È il primo romanzo che Josei Toda, loro meastro, decide di affrontare per infondere loro lo spirito indomito alla base della Soka Gakkai.