«Ascoltiamo con attenzione ed empatia gli amici “senza voce”, facendo nostre le loro sofferenze.
Facciamo di tutto per alleggerire gli uni con gli altri i nostri cuori.»

Daisaku Ikeda, 26 maggio 2020
Tradotto dal Seikyo Shimbun.